L’operazione

L’intervento di liposuzione Roma prevede che il chirurgo estetico esegue delle piccole incisioni nella zona da operare dove introduce delle cannule aspiranti che risucchiano il grasso in eccesso. La cannula viene mossa velocemente per spezzare i depositi di grasso che possono essere disgregati anche con altre tecniche come la vibrazione, gli ultrasuoni, il laser oppure anche con dei liquidi che interagiscono con le cellule adipose.

Il post operatorio

Il paziente viene dimesso dopo l’operazione se non è stata eseguita anestesia generale e non ci sono state complicazioni in sala operatoria. Dopo la liposuzione Roma, la zona è dolorante, gonfia e si può presentare un grande ematoma che si riassorbe nel giro di 5 – 7 giorni. I primi giorni del post operatorio sono da passare a riposo assoluto, soprattutto se la zona operata è molto estesa come gambe, glutei, fianchi addome, pancia etc. Le ferite chirurgiche devono essere medicate e pulite per evitare infezioni. Il paziente deve sempre indossare degli indumenti contenitivi o guaine in modo che la pelle si tenda per bene a, adattandosi ai nuovi contorni senza che si allenti e penzoli in modo davvero poco piacevole.

Alcune avvertenze

Va detto che l’intervento di liposuzione Roma non è un modo per perdere peso senza fare fatica ma è un intervento chirurgico che, in quanto tale, espone a una serie di rischi. La chirurgia estetica sempre chirurgia è e perciò non va mai sottovalutata. Anche se questo tipo di operazione è piuttosto sicuro non vuol dire che il rischio sia pari a zero. Nonostante la tecnica utilizzata preveda delle piccolissime incisioni, queste possono comunque infettarsi e richiedere l’uso di antibiotici, sperando che il batterio no sia farmacoresistente.

Inoltre, le cicatrici ci saranno ugualmente anche se molto piccole grazie alla tecnica usata dal chirurgo estetico per non lasciare traccia. Ignorale, le cicatrici vengono localizzate in punti in cui le pieghe della pelle possano nasconderle ma no p detto che poi siano del tutto invisibili o impercettibili.